Partito Unione Cattolica - Siamo il Partito della FEDE per ridare FIDUCIA in un’Italia Nuova - Segretario Partito Ivano Tonoli Partiti Politici Italia

300.000 CITTADINI DELLA TERZA ETA RELEGATI IN CASA DI RIPOSO

GLI ANZIANI HANNO COSTRUITO IL BOOM ECONOMICO DELLO STATO, RAZZISTA ANAGRAFICO, CHE LI STA FACENDO MORIRE DI VIRUS CINESE

IL SEGRETARIO DI UNIONE CATTOLICA IVANO TONOLI:

300.000 CITTADINI DELLA TERZA ETA RELEGATI IN CASA DI RIPOSO DOVE I LETTI DI CURA SONO APPENA UNO PER OGNI 50 POSTI, E COME SE IL GOVERNO GIALLOROSSO AVESSE VOLUTO SPERIMENTARE L ’IMMUNITÀ DI GREGGE A PARTIRE DA LORO, BORIS, JOHNSON DOCET.

NOI SIAMO CON PAPA FRANCESCO, PERCHÉ L’ANZIANO SIA PARTE INTEGRALE DELLA PROPRIA FAMIGLIA, PERCHÉ I GIOVANI DEVONO DIALOGARE CON I NONNI “FARE CHIASSO CON LORO”.

L’immunità di gregge tanto caro al primo ministro della Gran Bretagna Boris Johnson- oggi ricoverato a Londra in terapia intensiva al quale umanamente formuliamo auguri di buona guarigione e di ravvedimento ideale- sembra che il governo Italiano, speriamo non intenzionalmente, abbia voluto sperimentare sugli anziani delle case di riposo.

Stiamo parlando di 300.000 Cittadini Italiani appartenenti alla cosiddetta terza o quarta età, distanziati dalle loro famiglie di origine ma a contatto all’interno di quegli ambienti asettici, apatici e artificiali, con ogni possibile rischio igienico e sanitario, trasmesso seppure in maniera involontaria delle persone circostanti prive a loro volta di protezioni verso sé stesse e gli altri.

Gli anziani vivono sulla propria pelle un paradosso terribile; hanno contribuito, da vari ruoli sociali e professionali, al boom economico post bellico, dal più umile fino al benestante hanno contribuito alla formazione del risparmio e del patrimonio adesso utilizzato dai figli e dai nipoti come autentico strumento di welfare a fronte della totale assenza dello stato; hanno maturato una pensione che forse i loro successori mai vedranno con gli attuali criteri INPS.

Eppure sono abbandonati: la crisi economica anteriore al coronavirus ha accresciuto purtroppo i peggiori egoismi pure all’interno dello stesso nucleo famigliare, e ha indotto a relegare gli anziani all’interno di case di riposo del tutto prive di accorgimenti preventivi di fronte a ogni tipo di epidemia, da quella influenzale stagionale, talvolta non meno letale, a quella più invasiva come l’attuale da virus cinese.

Anche in questo caso le colpe del governo giallorosso rasentano il razzismo anagrafico: è da inizio epidemia, poi divenuta PANDEMIA, che per molte settimane si è detto “TANTO ERANO ANZIANI, sarebbero mancati comunque mancati per altre malattie” NULLA DI PIÙ IPOCRITA.

Moltissimi di questi nostri connazionali deceduti nelle ultime settimane, nelle case di riposo cosi come nelle private abitazioni cui erano stati relegati da un governo illegittimo e da un ministro senza Speranza con il divieto addirittura di telefonare per richiedere aiuto medico, in assenza del covid-19 sarebbero vissuti ancora per molto tempo.

I giallorosso hanno iniziato a preoccuparsi del virus cinese solo quando si sono resi conto che esso non guarda in faccia a nessuno, ma anche dopo di ciò hanno continuato a lasciare milioni di cittadini della terza e quarta età in balia a sé stessi, condannandoli a una sorta di EUTANASIA DI GREGGE, e negando alle loro famiglie anche la possibilità di un ultimo saluto!

Solo adesso molti cittadini, figli e nipoti della generazione lasciata senza cure a morire, capiscono la gravità della irreparabile perdita morale e materiale dei loro cari più avanti negli anni.

Se costoro avessero letto la DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA e il NOSTRO LIBRO PROGRAMMA CATTOLICI UNITI per BENEDIRE UN’ITALIA NUOVA, FORSE si sarebbero ravveduti per tempo e li avrebbero tratti in SALVO!

NOI DI UNIONE CATTOLICA parliamo non di terza età ma di ETA DELLE TRE OPPORTUNITÀ : essere genitori, essere nonni e poter ancora contribuire allo sviluppo del PAESE.

Noi di UNIONE CATTOLICA guardiamo con interesse al modello Albania, che anche nei momenti più difficili della propria storia ha saputo trovare nella coesione intergenerazionale della famiglia un elemento di coesione e di solidarietà fondamentale anche per contrastare l’avanzata del virus.

Non esiste l’immunità di gregge: la sola vera è quella della FAMIGLIA NATURALE nella trasversalità elle generazioni che la compongono e la animano gioiosamente.

NOI di UNIONE CATTOLICA siamo con Papa Francesco che indirizzato ai giovani ha detto: CARI NIPOTI, DOVETE PARLARE CON I VOSTRI NONNI, FARE CHIASSO CON LORO”.

Ebbene SI: noi faremo chiasso, non staremo zitti di fronte agli errori MORTALI del governo giallorosso fronte all’eccidio anagrafico. Noi faremo tutto il chiasso che serve perché i nonni d’Italia sappiano che NOI SIAMO CON LORO e con la sete di giustizia che hanno.

Previous UNIONE CATTOLICA E CONFEDES CON PATUELLI (ABI):