Partito Unione Cattolica - Siamo il Partito della FEDE per ridare FIDUCIA in un’Italia Nuova - Segretario Partito Ivano Tonoli Partiti Politici Italia

Le lezioni di educazione finanziaria evolvono da fenomeno editoriale a fenomeno formativo

Da Manuale e, d’ora in avanti, da Accademia. Le lezioni di educazione finanziaria evolvono da fenomeno editoriale a fenomeno formativo ormai istituzionalizzato: nell’esempio di Beppe Ghisolfi e nella struttura che debutterà in forma ufficiale il prossimo 30 ottobre a Torino con un evento destinato a rimanere iscritto nei resoconti economici nazionali. Perché educare alla finanza equivale ad educare all’economia reale, alle scelte che incidono sul tenore di vita di tutti e di ciascuno: dalle decisioni “macro” di politica pubblica – si veda la legge finanziaria in discussione – a quelli “micro” di economia domestica e casalinga.

L’appuntamento, aperto a Istituzioni, studiosi, amministratori, imprenditori, giornalisti e professionisti pubblico-privati, è fissato per mercoledì 30 ottobre, dalle ore 11,45 nei locali accoglienti e solenni della Fondazione Re Rebaudengo. 

Padroni di casa il Banchiere europeo e mondiale Beppe Ghisolfi, reduce dalla settimana a Washington culminata nella stretta di mano con il Presidente USA Donald Trump, in qualità di ispiratore, cofondatore e presidente della neonata Accademia, e l’imprenditore e big manager ambientale e culturale Agostino Re Rebaudengo, che partecipa attivamente al gruppo direttivo di tale istituzione educativo finanziaria.

Con loro, gli altri amici e soci fondatori e consiglieri direttivi: da Alberto Rizzo a Marco Buttieri, da Piermario Morra a Sabrina Bosia, da Aldo Mirate a Luigi Gesaldi a Massimo Martinelli. Il successivo momento conviviale augurale sarà offerto dallo stellato ristorante Spazio 7.

ADERISCONO CONVINTAMENTE ALL’EVENTO UNIONE CATTOLICA E CONFEDES – CONFEDERAZIONE DATORIALE E SINDACALE CON IL SEGRETARIO NAZIONALE IVANO TONOLI, L’INTERO GRUPPO DIRETTIVO E LA VASTA DELEGAZIONE ECONOMICA E ISTITUZIONALE ITALO-ALBANESE

Previous LA MOSTRUOSA MACCHINA “ANTI EVASIONE” DEL MINISTERO DELLE FINANZE