Partito Unione Cattolica - Siamo il Partito della FEDE per ridare FIDUCIA in un’Italia Nuova - Segretario Partito Ivano Tonoli Partiti Politici Italia

L’ATTUALE POLITICA ITALIANA È UNO SCHIAFFO MORTALE NEI CONFRONTI DELL’ITALIA OPEROSA CATTOLICA

IVANO TONOLI, SEGRETARIO UNIONE CATTOLICA: “L’ATTUALE POLITICA ITALIANA È UNO SCHIAFFO MORTALE NEI CONFRONTI DELL’ITALIA OPEROSA CATTOLICA CHE CREDE DOVEROSO E FATTIBILE UN FUTURO MIGLIORE PROSPERO E PRODUTTIVO, SENZA CHE MAFIA CORRUZIONE E FAVORITISMI TENGANO IN OSTAGGIO I NOSTRI AMATI FIGLI.

IMPOSSIBILI ALLEANZE CON CHI PROPONE I FALSI RIMEDI, DA DESTRA A SINISTRA

ORMAI DA SETTIMANE ORGANI DI STAMPA E TELEVISIVI IMPERTERRITI CI CHIAMANO PER INVITARCI IN TALK-SHOW O PER RICHIEDERCI DICHIARAZIONI GIORNALISTICHE.

ABBIAMO VOLUTAMENTE RIMANDATO LA NOSTRA AZIONE POLITICA AL 2020 DECIDENDO IN MODO IRREVOCABILE CHE IL NOSTRO PARTITO UNIONE CATTOLICA CONTINUI A ESSERE FAUTORE DELLA TRASLAZIONE DELLA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA NEI PROVVEDIMENTI DELLA POLITICA E NEL VIVERE QUOTIDIANO: PERCHÉ CIÒ È IL SOLO RIMEDIO PER TUTELARE I PIÙ’ DEBOLI GLI INDIGENTI I PORTATORI DI HANDICAP E I PENSIONATI, RILANCIANDO CONTEMPORANEAMENTE LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CUORE NEVRALGICO DELL’ECONOMIA ITALIANA E RESTITUENDO UN POTERE DI ACQUISTO ACCETTABILE AI DIPENDENTI TRAMITE IL PANIERE DEL FATTORE FAMIGLIA E COMBATTENDO FEROCEMENTE SENZA PIETÀ’ LA MAFIA CHE DISTRUGGE L’ECONOMIA LA LIBERA CONCORRENZA OLTRE AD UCCIDERE CON IL TRAFFICO DI DROGA LE ESTORSIONI E LA CORRUZIONE INTERE FAMIGLIE.

SENZA IDEOLOGIA SENZA UN PROGRAMMA PRECISO E CHIRURGICO IN GRADO DI ABBASSARE PROGRESSIVAMENTE IL DEBITO PUBBLICO RICREANDO LE BASI PER UN AUMENTO ESPONENZIALE DELLA PRODUTTIVITÀ’ E DELLA PRODUZIONE DI RICCHEZZA, SEMPRE AUSPICATO E MAI CONCRETIZZATO, E PER IL CONSEGUENTE AUMENTO DEI CONSUMI INTERNI E DELLE ESPORTAZIONI, SI DETERMINA QUELLO CHE VERGOGNOSAMENTE ACCADE OGGI A LIVELLO POLITICO ORMAI DA 30 ANNI, NEL PASSAGGIO DAL GIUSTIZIALISMO AL POPULISMO, ORA NELLA VERSIONE PAUPERISTICA E FISCALISTA, ORA IN QUELLA SOVRANISTA.

OVVERO QUELLI CHE NELLA DOTTRINA SOCIALE CATTOLICA SI CHIAMANO I FALSI RIMEDI: IL TENTATIVO DI FORZE POLITICHE TEORICAMENTE DIVERSE IN CUI IL LORO MINIMO COMUNE DENOMINATORE E’ LA TOTALE ASSENZA DI PROGETTUALITÀ’ PER IL PAESE E DI ARTICOLAZIONI PROGRAMMATICHE SERIE PER CUI IL. LORO FINE REALE E’ ABBINDOLARE E RAGGIRARE IL LORO POTENZIALE ELETTORATO IN QUESTA DISGUSTOSA CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE DOVE L’UNICO RISULTATO TANGIBILE E’ LA DISTRUZIONE DELLA DIGNITÀ’ DELLA FAMIGLIA COSTRETTA E VIVERE TERRORIZZATA DAL PENSIERO CONTINUO DI PERDERE IL PROPRIO PATRIMONIO LA PROPRIA IDENTITÀ’ LA PROPRIA SOPRAVVIVENZA ECONOMICA. PER 6 MILIONI DI FAMIGLIE IL DRAMMA SI E’ COMPIUTO NON ESSENDO PIÙ’ IN GRADO DI DARE UNA VITA DECOROSA E DIGNITOSA AL PROPRIO NUCLEO, DEVASTATE DALL’OPPRESSIONE FISCALE BUROCRATICA MALAVITOSA.

DI CONTRO VIVONO IN CONDIZIONI IDILLIACHE, INVECE, 303000 FAMIGLIE RICCHISSIME CHE HANNO L’80% DEL PATRIMONIO DELL’ITALIA A SCAPITO DELLA POPOLAZIONE NAZIONALE CHE LENTAMENTE E IMPERIOSAMENTE STA PERDENDO SPERANZA VOGLIA DI VIVERE E PROSPETTIVE REALI DI MIGLIORARE LA PROPRIA ESISTENZA.

CON IL M5STELLE GIUSTIZIALISTA E PAUPERISTA, SPECIALIZZATO NEL DISATTENDERE LE PROMESSE E I PROPRI INTENDIMENTI, NON ESISTONO PUNTI DI CONTATTO CON IL NOSTRO PARTITO. COSÌ COME NON NE ESISTONO CON LA LEGA DI SALVINI CHE OLTRE AD ESSERE CONTRO I MIGRANTI E LA LORO RESPONSABILE INTEGRAZIONE, CONTRO LA CHIESA CATTOLICA, LE ISTITUZIONI E LA MORALITÀ’, È LA PRIMA AVVERSARIA DEI TANTO SBANDIERATI INTERESSI NAZIONALI: UTILIZZANDO UNA CONTRAPPOSIZIONE ALL’EUROPA CHE, SE ANDASSERO AL POTERE, ERODEREBBE I RISPARMI DEGLI ITALIANI E LE CAPITALIZZAZIONI DELLA BORSE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO E DEI FONDI E METTEREBBE IN SERIA CRISI L’ASSISTENZA SANITARIA E I SERVIZI ESSENZIALI PORTANDO IL DEBITO PUBBLICO FUORI CONTROLLO PER OLTRE 200 MILIARDI.

ALTRO CHE BENE COMUNE: I LEGHISTI HANNO COME UNICO COLLANTE L’ODIO DEL DIVERSO E NON SONO PER NULLA DIFFERENTI DEI LORO PREDECESSORI. PARLANO GLI SCANDALI DA OGNI PARTE E LE INDAGINI IN FASE DI CONCLUSIONE IN GRADO DI AZZERARE I LORO VERTICI, E SI VANTANO DI GESTIRE BENE LE REGIONI DEL NORD BEN CONSCI CHE NELLE AREE VIRTUOSE E RICCHE È SUFFICIENTE NON FARE DANNI SISTEMICI O GESTIRE ORDINARIAMENTE L’ESISTENTE PER AVERE LA QUALIFICA DI OTTIMI GOVERNATORI!

IL PD SEMBRA IN QUESTA CRISI ESISTENZIALE, VOLER COLPIRE A SENSO UNICO E SENZA PIETÀ’ I CENTRI PRODUTTIVI DEL PAESE E I POVERI CRISTI CHE DEBBONO TEMERE  OLTRE AL NDRENGHETISTA DI TURNO CHE COMANDA SIA AL NORD CHE AL CENTRO E AL SUD INCONTRASTATO  ANCHE LO STATO CHE CON L’AGENZIA DELLE ENTRATE PIGNORA CONTI CORRENTI CASA E DIGNITÀ’ DELLA PERSONA.

CHE DIRE POI DI FRATELLI D’ITALIA CHE IN NOME DEL SOVRANISMO E DEL NAZIONALISMO PENSA DI RISOLVERE I PROBLEMI DELL’ECONOMIA NON CONSAPEVOLI CHE IN EUROPA ORA SI DECIDE IN MOLTI COMPARTI E SOLO L’AUTOREVOLEZZA E LA SERIETÀ’ CI PERMETTERÀ’ IN UN GIORNO SPERO NON LONTANO NEL TEMPO, DI OTTENERE AGEVOLAZIONI E POSSIBILITÀ’ DI INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI PER AMMODERNARE L’ITALIA. 

PER TERMINARE IL QUADRO DEGLI ORRORI E’ DA NOMINARE RENZI PRONTO A TUTTO PUR DI RITORNARE AL POTERE ESPRESSIONE DEL NULLA CON CUI HA GOVERNATO FINO AL 2016; E TOTI ENNESIMO TRADITORE E INGRATO DI BERLUSCONI E PROPRIO PER QUESTO DESTINATO A FALLIRE; POI CALENDA PREPARATO MA PRESUNTUOSO, E FORZA ITALIA CON UN LEADER STANCO E PROVATO DAI PROPRI GENERALI E COLONNELLI CHE SI ODIANO VICENDEVOLMENTE SENZA PIETA’ ESSENDO TUTTI UNA MOSTRUOSA COPIA UNO DELL’ALTRO.

LA POLITICA IN ITALIA E’ QUESTA, PARALIZZATA E SPECIALIZZATA IN SLOGAN IN CUI LA VISIBILITÀ’ TELEVISIVA E SUI SOCIAL DETERMINA UNA CRESCITA DEI CONSENSI INDIPENDENTEMENTE DAI CONCETTI E DAI RAGIONAMENTI ESPRESSI. IL CONSENSO DERIVANTE DALLA PERDITA DELLA SPERANZA E DI OGNI ALTRO RAGIONATO APPIGLIO.

IL NOSTRO PARTITO UNIONE CATTOLICA VUOLE CONTRAPPORSI AD UN’INTERA CLASSE POLITICA CON LA BASE FONDANTE DEI CONCETTI E DEI VALORI DEL BENE COMUNE, DELLA BATTAGLIA CONTRO LE DISUGUAGLIANZE, DEL RISPETTO VERSO IL PROSSIMO, DELLA SUSSIDIARIETÀ’ E DEL SENSO ALTO DELLA MORALE E DELLA GIUSTIZIA, CON UNA FILOSOFIA DENOMINATA IMPROPRIAMENTE TERZA VIA CHE E’ LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA IN CUI NEL NOSTRO LIBRO “Cattolici Uniti il nostro progetto per benedire un Italia nuova” sono esplicitati i provvedimenti immediatamente attuabili per il rilancio morale, sociale, produttivo e finanziario dell’Italia, con l’esaltazione del fattore famiglia e del piano del magistrato Gratteri vera Enciclica legale contro le mafie; con la valorizzazione del concetto di seconda opportunità per uomini donne e imprese che hanno avuto degli incidenti di percorso causati da crisi e oppressione fiscale e debbono essere RIABILITATI con l’erario e con il sistema bancario per essere a loro volta protagonisti della rinascita dell’Italia.

Desideriamo riunire tutti i Cattolici con un gruppo dirigente di alto livello con l’ausilio e l’appoggio dei gruppi intermedi e delle associazioni, della CEI e della Chiesa Cattolica per creare l’unica alternativa possibile agli opportunismi di cui la politica è drammaticamente pervasa. Insomma che torni l’era in cui i valori i sentimenti buoni l’amore la voglia di stare insieme nel bene comune prevalgano, in cui nessuno sia in posizione arretrata di disagio o di difficoltà, dove nessun populista o sovranista prevalga sul deserto delle proprie affermazioni senza senso, animato solo dalla voglia di punire offendere o creare strappi nella società per confondere e portare esasperazione e contrapposizioni.

Oggi è un giorno speciale: il compleanno di Papa Francesco. Auguri Santo Padre! Il nostro personale e politico impegno è far sì che come dono più grande vi sia l’aiuto pieno a combattere contro i falsi rimedi di ogni epoca storica, sui quali la dottrina sociale e i suoi Pontefici hanno sempre con lungimiranza messo in guardia il mondo, dal socialismo ai totalitarismi nazionali dello scorso secolo, dal comunismo al turbo capitalismo finanziario, dal populismo al sovranismo.

Non servono falsi rimedi ma vere soluzioni e queste possono venire solo da una applicazione autentica piena e non parziale del grande patrimonio delle encicliche sociali della dottrina della chiesa cattolica.

Previous IL CASO DELLE ELEZIONI SPAGNOLE SVELA LE CONTRADDIZIONI DEL SOVRANISMO ITALIANO

Leave Your Comment